Cheesecake all’uva mandorle e cioccolato fondente senza cottura

 

20160906_071608

come avrete capito adoro fare, mangiare e regalare CHEESECAKE!

le mie preferite sono quelle senza cottura che solitamente preparo nel periodo estivo, ma sono perfette tutto l’anno!

questa torta è stata un esperimento perchè volevo provare ad unire l’uva al cioccolato fondente, un abbinamento che non avevo mai provato e che è piaciuto molto a tutti quelli che l’hanno assaggiata.

per la base della cheesecake ho usato insieme ai biscotti la granella di fave di cacao biologiche; che oltre ad essere molto buona e croccante è ricca di magnesio che aiuta a combattere stanchezza ed affaticamento.

20160906_071637

Cheesecake all’uva mandorle e cioccolato fondente senza cottura

ingredienti x 3 persone:

per la base:

per la crema:

per decorare:

  • 6 foglioline di menta
  • gelatina spray

20160906_071527

preparazione:

frulla le mandorle con lo zucchero e il cacao. aggiungi i biscotti e il burro liquido.

versa il composto in una teglia da torta con cerniera e compatta bene con un cucchiaio o con il fondo di un bicchiere. metti la teglia in frigorifero.

unisci in una ciotola la ricotta, la robiola, lo zucchero e mescola bene.

fai sciogliere il kuzu con 2 cucchiai di acqua in un bicchierepoi aggiungi metà yogurt e scaldalo per 20 secondi al microonde.

mescola bene, aggiungi l’altra metà dello yogurt e scalda altri 20 secondi.

mescola di nuovo tutto e poi aggiungilo al composto di formaggi.

versa il composto nella tortiera sulla base di biscotto e fai raffreddare un paio d’ore in frigorifero.

passato il tempo di raffreddamento taglia a metà l’uva e disponila sulla crema di formaggio.

aggiungi i riccioli di cioccolato e la menta. spruzza sull’uva la gelatina spray e rimetti in frigorifero per 1 ora.

servi la torta fredda da frigorifero.

un’idea in più:

se usi metà uva bianca e metà uva nera, alternate, otterrai un effetto scacchiera  molto carino sulla tua cheesecake.

consiglio sempre di usare l’uva senza semi per queste preparazioni.

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *