ROMA: una fuga romantica



venerdì scorso siamo partiti per Roma, per noi questa città è un posto speciale. 
4 anni fa abbiamo festeggiato qui il nostro fidanzamento ed oggi siamo tornati per una fuga romantica per San Valentino.
durante le vacanze di Natale avevamo prenotato 2 notti in un hotel, Antico Palazzo Rospigliosi, http://www.hotelrospigliosi.com/italiano/, davanti alla Chiesa di Santa Maria Maggiore scegliendolo per la location, il parcheggio e la possibilità di poter cancellare la prenotazione.
quando siamo arrivati siamo rimasti piacevolmente sorpresi nel sapere che l’hotel era situato in un palazzo del 1600 che era stata dimora di Papa Clemente IX, il Papa del Popolo.
alcuni locali, nonostante il restauro, hanno mantenuto la loro originale funzione: al 3° piano ci sono una splendida biblioteca, che era il salotto del Papa, ed una Chiesa ancora consacrata. 
una gran bella sorpresa questo hotel!

cortile interno Antico Palazzo Rospigliosi
la biblioteca
venerdì sera abbiamo mangiato nel quartiere ebraico, 
nel Ristorante da Nonna Betta, http://www.nonnabetta.it/, dove fanno cucina kosher.


dopo aver visto la puntata di “No Reservation” girata a Roma in cui Anthony Bourdain ha mangiato qui, abbiamo deciso di provare anche noi questo ristorante.
il menù si basa sui piatti della tradizione giudaico-romanesca che Nonna Betta ha tramandato in cui la carne e i derivati del latte non si possono cucinare insieme.
noi abbiamo scelto i piatti dal “menù latte e pesce”.


baccalà alla nonna Betta, con pistacchi e porro
parmigiana di carfiofi

sabato mattina, il giorno di San Valentino, ci siamo svegliati con il sole, al contrario delle previsioni, quindi abbiamo deciso di girovagare per il centro

il Pantheon


piazza Navona


i vicoli dietro Campo dei Fiori


a Campo dei Fiori abbiamo deciso di fermarci per uno spuntino/aperitivo al Forno Roscioli, http://www.anticofornoroscioli.it/
le focacce sono squisite: bianca (la classica romana), alla caprese, alla parmigiana, con cicoria ripassata, al pesto… ma i fritti erano, se possibile, ancora più buoni. 
abbiamo assaggiato e condiviso una focaccia alla parmigiana con pomodoro melanzane cotte al forno e mozzarella fresca, un supplì al pomodoro mozzarella e basilico ed una mozzarella in carrozza. 
al 1° posto il supplì!!!


per aspettare l’ora di pranzo abbiamo fatto qualche giretto al mercato di Campo dei Fiori bighellonando fra le bancarelle…

Roma 14febbraio (41)
per pranzo siamo andati in un posto che già conoscevamo e che ci piace tanto: Beppe e i suoi formaggihttp://www.beppeeisuoiformaggi.it/
le loro degustazioni di formaggi sono incredibilmente varie e sempre buonissime grazie anche ad accostamenti di frutta fresca e secca, marmellate, mostarde, pane e grissini…




quando veniamo in questo locale cerchiamo sempre qualche prodotto particolare, ne hanno tantissimi.
questa volta abbiamo comprato il torrone Visone della pasticceria Canelin di Acqui Terme (AL), definito uno dei migliori torroni d’Italia.
il prezzo è un pò alto ma la qualità ed il gusto ripagano di quanto speso.

la quantità delle nocciole è incredibile!


la sera di San Valentino, un pò controcorrente per tipo di cucina e per location, abbiamo cenato al Ristorante coreano Bi Won, http://www.romabiwon.com/ 
quando abbiamo prenotato purtroppo “la griglia al tavolo” non era disponibile ma abbiamo comunque mangiato dei cibi squisiti. 
appena entrati siamo stati avvolti da profumi di carne alla griglia e spezie.
le bacchette sono in acciaio e ci sono sembrate più difficili da usare, infatti per gli spaghetti abbiamo chiesto le forchette…
per iniziare ci hanno portato i classici piattini di antipasti coreani:
kimchi (cavolo fermentato con sale zucchero aglio e peperoncino), radice di loto caramellata, funghetti, pesce fritto in agrodolce, pelle di maiale sott’aceto e rapa saltata con olio di sesamo aglio e peperoncino.


abbiamo ordinato gli involtini freddi di verdure e peperoncino avvolti in sfoglia di riso con salsa a base di aceto. sono rinfrescanti e piccanti insieme.
non capisco come facciano a mangiare mezzo involtino in un solo boccone…per me anche solo metà è troppo grande.


i polpi in salsa piccante erano MOLTO piccanti ma deliziosi perchè croccanti e non gommosi e li abbiamo accompagnati, e smorzati, con ben 2 ciotole di riso bianco.


io ho mangiato una zuppa di soia con tofu verdure miste dove in fondo ho trovato anche le vongole…sorpresa!


Angelo ha preso degli spaghetti di patate e verdure (a noi sembravano spaghetti di soia) comunque erano squisiti: dolci, saporiti e morbidi.


il tutto accompagnato con birra coreana che non ci è piaciuta perchè un pò insapore. 
i proprietari sono stati davvero gentili e ad ogni nostra domanda si fermavano e chiacchieravano con noi. la signora ci ha anche spiegato come preparare in kinchi in casa. non so se lo proveremo…magari torniamo qui a mangiarlo.
a parte un tavolo di 5 romani seduti di fianco a noi il resto del ristorante era occupato solo da coreani. abbiamo notato che tutti i coreani mangiavano carne in griglia che avvolgevano insieme al kimchi in grandi foglie fresche di lattuga ed alcuni piatti di pesce molto rossi, quindi molto piccanti, ma senza riso bianco…
i prezzi non sono da ristorante cinese ma le porzioni sono abbondanti e la qualità è ottima.


per finire la serata abbiamo fatto una romantica passeggiata a Trastevere



domenica mattina siamo andati al Vaticano, anche oggi doveva essere una giornata piovosa ed invece è uscito il sole…


siamo entrati nella basilica di San Pietro per la Messa 
ed abbiamo visto Papa Francesco da vicino….un’emozione incredibile.
la Messa è stata molto particolare perchè è stata celebrata in diverse lingue: latino, italiano, inglese, cinese…
 
 

l’ultimo appuntamento della nostra mini vacanza a Roma è stato con un caro amico di Forlì, Riccardo, che adesso vive e lavora qui. 
siamo andati con lui in centro a fare il brunch a Il margutta, http://www.ilmargutta.bio/, famoso ristorante vegetariano dal 1979.
il cibo era davvero buono e saporito, anche i piatti veg.
qui non abbiamo fatto tante fotografie perchè vicino a noi era seduta Sabrina Ferilli seguita da paparazzi che si sono appostati per tutto il pranzo di fianco alla vetrata e scattavano foto in continuazione. ci siamo trattenuti dal fare foto anche fra di noi…
grazie Riccardo per averci portato in giro e fatto conoscere quest’ottimo ristorante. 


questa scritta mi è sembrata perfetta per il giorno di San Valentino!
ti amo da qui..alla fine del mondo..di nuovo qui. all’infinito.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *