Print Friendly, PDF & Email

Ieri ho partecipato all’evento “Il territorio in un boccone” presso la Metro Academy di Bologna.
Gli appuntamenti #ilterritorioinunboccone sono nati per per valorizzare le eccellenze gastronomiche del territorio e riscoprire le ricette regionali in chiave moderna.

Siamo stati accolti dalla coordinatrice di Metro Academy Rossella Raffi, dal manager territoriale Giuseppe Scarpino, dallo chef ambassador Daniele Caldarulo e dal resident chef Giancarlo Conoscenti, i quali ci hanno raccontato come l’azienda metta a disposizione la propria esperienza per aggiornare ed ispirare i professionisti del settore allo scopo di ampliare le conoscenze e la cultura gastronomica.

Metro è un’azienda di origine tedesca presente in 25 nazioni e su tutto il territorio italiano con 49 sedi e quasi 5.000 dipendenti.
Nelle 5 Metro Academy sparse nel territorio vengono svolte giornalmente sessioni di cucina, showcooking ed test di prova dei prodotti e delle attrezzature per aiutare la clientela negli acquisti.

insieme allo chef Daniele Caldarulo e alle colleghe foodblogger Sara Guida,
Barbara Baccarini e Cecilia Concari

Una iniziativa molto importante viene portata avanti da Metro Acamedy: la lotta agli sprechi alimentari.

Durante il laboratorio pratico gli chef ci hanno spiegato e dimostrato come con ingredienti di recupero si possa preparare uno squisito menù a 3 portate, usando prodotti che altrimenti sarebbero stati buttati.

Ho apprezzo l’impegno della Metro sui temi antispreco ed ho ascoltato con attenzione i consigli pratici degli chef su come non sprecare in cucina e come riciclare gli scarti. Altro suggerimento importante è stato quello di chiedere al ristorante una scatola per portare a casa il cibo non mangiato.


“Tartare di ricciola marinata con succo di rapa, zenzero e limone con pesca nettarina lemongrass, germogli e sale di Cervia”

Tutti i partecipanti, divisi in squadre, hanno preparato cucinato ed impiattato tutti i piatti come una vera brigata di un ristorante. Io facevo parte della “squadra del pesce”, insieme a Salvatore e Stefano, ed abbiamo preparato l’entree: Tartare di ricciola marinata con succo di rapa, zenzero e limone con pesca nettarina lemongrass, germogli e sale di Cervia”

La parte finale della nostra preparazione è stata molto divertente e creativa perchè abbiamo impiattato creando un vero e proprio “pass” come accade solitamente in una vera cucina professionale, dove il piatto viene assemblato e decorato. È stato molto coinvolgente ed istruttivo preparare una ricetta decidendo insieme come tagliare, condire e creare il piatto; sempre sotto l’occhio attento ed i consigli degli chef.


la “squadra del pesce”: Salvatore Addamo e Stefano De Stefano

I piatti preparati dalle altre due squadre sono stati questi:

“Gnocco di pane “avanzato”, polvere di spinaci, maionese di datterini rossi e gialli,
limone, aglio nero e basilico”