Print Friendly, PDF & Email

sono ritornata ai miei vecchi amori: le torte senza uova!

preparo spesso i dolci senza uova, non perchè non mi piacciono ma perchè spesso non le ho in casa. in realtà adesso ho trovato un posto dove acquistarle che adoro: un contadino che tiene le galline all’aria aperta e in un grande capannone areato e pulito; e le nutre con mangime naturale addizionato a semi di lino.

una strana premessa per parlare di dolci vegani, ma anche se io non sono vegana adoro preparare queste tipologie di torte. questo plumcake in particolare è stato definita da mio marito: il più buono che hai mai fatto!!! e ne ho fatti dolci in vita mia …davvero tantissimi!

quando hai voglia di dolce ma non vuoi impazzire tanto in cucina questo è perfetto! non è necessario tirare fuori frullatori, impastatrici, minipimer. ti bastano solo: 1 ciotola, 1 frusta, 1 spatola, 1 tortiera, 1 foglio di carta forno. io ho usato la farina tipo 1 ma puoi sostituirla con farina di farro, avena o quella che più preferisci. anche per la bevanda vegetale puoi scegliere quella che ti piace di più. se hai in casa della frutta secca mista, nocciole anacardi pistacchi…, puoi tritarli e metterli sopra al plumcake al posto delle mandorle oppure puoi anche non mettere niente, questo dolce è buonissimo anche senza copertura. insomma non ci sono motivi per non preparare questa torta, se non che ne mangerai sicuramente troppa!

mi è venuta voglia di preparare un plumcake vegano al cioccolato e mandorle perchè avevo appena fatto la bevanda di mandorle ed avevo dell’okara che volevo utilizzare. negli ingredienti della ricetta che trovate qui sotto ho indicato la dose della bevanda di mandorle, che potete sostituire con metà dose di okara e metà di acqua. (l’okara è la polpa bianca e farinosa rimanente dalla preparazione delle bevande vegetali, di qualsiasi tipo: soia, mandorle, riso, avena, farro, nocciola…

Plumcake vegano al doppio cioccolato e mandorle

ingredienti per un plumcake 29 cm x 10 cm:

  • 200 gr farina tipo 1, Molino Sapignoli
  • 190 gr zucchero di canna integrale
  • 70 gr cacao amaro in polvere
  • 10 gr di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 1/2 baccello di vaniglia
  • 380 ml di bevanda di mandorle
  • 60 ml di olio di semi di girasole
  • 70 gr di cioccolato fondente
  • 2 cucchiai di mandorle sfilettate, Manuzzi frutta secca

preparazione:

versa in una ciotola farina, cacao setacciato, lievito, sale e zucchero. mescola con una frusta. aggiungi i semi della vaniglia, la bevanda di mandorle, l’olio e 50 gr di cioccolato fondente tritato grossolanamente. amalgama per ottenere un composto omogeneo e fluido.

ricopri una teglia da plumcake con carta forno poi versa il composto e ricopri con il cioccolato tritato e le mandorle.

cuoci in forno preriscaldato a 175° per 50 minuti circa. fai la prova stecchino prima di togliere il dolce dal forno per verificare la cottura: inserisci uno stecchino nel centro e se estraendolo rimane asciutto significa che è cotto, altrimenti continua la cottura per altri 5 minuti e poi ripeti la prova.

sforna il plumcake, lascialo intiepidire nella sua tortiera poi sformalo  e fallo raffreddare.

conserva il plumcake in frigorifero e toglilo mezz’ora prima di servirlo.

le origini del nome “Plumcake”:

in realtà quello che noi chiamiamo “Plumcake” corrisponde in Inghilterra ad una torta chiamata “Poundcake”, una preparazione semplice perchè viene usata la misura del pound per tutti gli ingredienti, zucchero farina uova e burro. il vero Plumcake è in realtà una torta di prugne di origine tedesca, chiamata Pflaumenkuchen.